COMMENTI (SBOBINATI) AI VANGELI FESTIVI

Assunzione di Maria Vergine in Cielo

Vangelo: Lc. 1, 39-56

In quei giorni, Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta.

Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il Bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: "Benedetta tu fra le donne, e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore".

Allora Maria disse: "L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l'umiltà della sua serva. D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente e Santo è il Suo nome: di generazione in generazione la Sua misericordia si stende su quelli che Lo temono. Ha spiegato la potenza del Suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato a mani vuote i ricchi. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della Sua misericordia, come aveva promesso ai nostri padri, ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua..

Ci troviamo di fronte a un fatto unico: la Madonna è una donna anziana, anche se l'iconografia "bugiarda" ce la rappresenta sempre come una giovane e bella fanciulla: la Madonna quando fu ucciso Gesù aveva circa 50 anni, poi è vissuta ancora a lungo con S. Giovanni, quindi anche lei ha subito "l'insulto" dell'invecchiamento. Dico insulto perché quando il corpo incomincia a invecchiare ci si accorge che bisogna incominciare a chiudere le finestre che abbiamo aperte durante la vita.

Questo dell'invecchiamento è un aspetto che di solito non viene messo in risalto perché (ripeto) c'è la concezione che la Madonna sia sempre stata bella, giovane e in "posa" vicino alle rose. Parlando di Maria in questo modo si falsa la sua figura e le si impedisce di insegnarci tutto quello che invece potrebbe insegnarci.

La Madonna potrebbe insegnarci a diventare maturi, a diventare vecchi, ad aspettare la morte, invece viene tutto annullato dal "giovanilismo" che è tanto di moda. Solo ciò che è giovane, solo ciò che comincia è preso d'assalto con fotografie e interviste!

La vera figura di Maria ci rimette nella realtà: realtà in tutti i settori.

Ci fu una persona che andò da Gesù e Gli chiese: "Maestro cosa devo fare per avere la Vita eterna?" La Madonna non ha solo avuto la Vita eterna, ma ha avuto anche il corpo eterno!

Il corpo di Maria è salito al Cielo, cosa che per nessuno di noi può avvenire: la nostra anima si salverà ed entrerà nella Vita eterna, ma il nostro corpo marcirà...

Il corpo della Madonna non è marcito, però... è morto.

La Madonna è morta, ma... quando gli Apostoli si stavano preparando per farle il funerale e accompagnarla al sepolcro, ecco che il suo corpo ha ripreso vita e degli Angeli lo hanno trasportato in Cielo, proprio come era stato per il Figlio suo.

Che cosa ci vuole per entrare nella Vita eterna? Guardiamo alla Madonna!

Il cristianesimo della piccola borghesia, della classe medio-agiata, si presenta non di rado, puramente sacramentalista. Fede che queste brave persone esplicano un'ora alla settimana: l'ora della Messa domenicale e di altri momenti importanti della vita come per esempio: il Battesimo, il matrimonio, un funerale... Fanno, osservano dei riti ma non hanno la fede viva e nella vita reale vivono dei valori opposti alla vera fede!

A volte mi diverto a chiedere ai bambini: "La Madonna è entrata nella Vita eterna, secondo voi l'ha meritata?". Risposta: "Sì perché andava a Messa tutte le domeniche, diceva sempre il rosario e poi... credeva nell'Immacolata Concezione e nell'infallibilità del Papa".

Per i nostri bambini, educati al giorno d'oggi, la Madonna è andata in Paradiso per questi motivi!

Invece... la Madonna non ha detto mai il rosario..., non è andata mai a Messa..., non ha mai creduto nell'Immacolata Concezione..., non ha mai creduto nell'infallibilità del Papa..., e allora come avrà fatto ad entrare nella Vita eterna? Allora, vuol dire che tutte queste cose non sono necessarie per la Vita eterna? Appunto! Non sono necessarie! La Madonna non ha fatto niente di tutto questo (alla faccia dei cristiani ritualisti che pensano di avere la Vita eterna perché sono andati alla Messa alla domenica, perché hanno letto "l'Avvenire", perché hanno ascoltato il Card. Martini, perché sono andati a vedere il Papa...)!

Quale è la Verità? La Verità parte da Gesù suo Figlio. Infatti la grandezza della Madonna è in relazione alla grandezza di suo Figlio, il Quale come prima realtà nella Sua vita non ha avuto la croce: questo lo dico per coloro che venerano in continuazione solo il Crocefisso.

Quando Gesù è nato, quando è "uscito" da Sua madre era piccolo, era giovane.

Il momento del parto per una donna è un momento doloroso, ma poi c'è la felicità, la gioia, i coccoli per il bimbo che è nato: Gesù non è nato con il crocefisso in mano, anche se certi pittori hanno avuto il coraggio di raffigurare Gesù nella mangiatoia con il crocefisso in mano!

La prima parola di Gesù è stata: gioia, e l'ultima Sua parola non è stata quella sulla croce, ma la resurrezione come vita; quindi la prima parola di Gesù è gioia e l'ultima è vita. Questa è la realtà, il resto sono tutte cose che i Preti più o meno "fissati" Gli hanno "messo addosso".

Quando Gesù è nato Maria ha avuto una grandissima gioia, e quando è risorto, l'ha avuta ancora più grande perché si è veramente resa conto che Gesù era la Vita: "Io sono la Via, la Verità e la Vita". Tutto il resto sono solo cose che ci devono aiutare a rendere Gesù presente in noi.

I Sacramenti, la Lettura della Bibbia... hanno come punto di arrivo rendere presente Gesù in noi, perché Lui è gioia e Vita.

Cerchiamo di approfondire oltre.

Come mai la Madonna sale al cielo con il corpo?

Noi abbiamo difficoltà a capire l'incarnazione di Gesù che si fa Uomo e convive con il destino umano: un Dio che si fa Uomo e convive con il destino umano!

E come facciamo fatica a capire l'incarnazione di Gesù, così facciamo altrettanta fatica a capire l'assunzione di Maria. Non la comprendiamo perché non riusciamo a capire fino in fondo che cosa significa una donna ripiena di Spirito Santo": Ave Maria piena di grazia.

Un mistico del medioevo lancia questa frase: "Lo Spirito dorme nella pietra, sogna nel fiore, sente negli animali, sa di avere sensazioni negli uomini e sente quello che sa nella donna". Bisogna riflettere su questa frase perché è molto importante!

Lo Spirito Santo ha avuto il sentore pieno della Sua forza, della Sua potenza in una donna: in Maria, nella Madonna! Questa è la grandezza di Maria.

Lo Spirito ha trasformato il suo corpo, poco alla volta, in un corpo capace di essere un corpo spirituale, proprio come diceva S. Paolo: "Trasformare un corpo con una capacità che è quella originaria: la capacità di ricevere e vivere in se stesso lo Spirito Santo, in maniera tale che non c'è lo Spirito da una parte e il corpo da un'altra, ma è lo Spirito che vive in questo corpo".

Questo è il punto d'arrivo a cui ciascuno di noi deve ambire, anche se purtroppo difficilmente ci si arriva.

La Madonna ci è arrivata: in lei non c'erano Spirito e corpo separati. Il corpo era la parte visibile e sensibile dello Spirito, e lo Spirito era la forma che sorreggeva e dava significato a tutto il suo corpo.

La tradizione cristiana ha cercato di far capire il concetto di "Spirito" con il vocabolo "energia". Dio che è il Creatore agisce in tutto ciò che si muove: fa espandere la vita, infiamma i poeti e i carismatici. Non ci fosse questa "energia" nel creato non ci sarebbe nulla.

Lo Spirito riempie l'universo e rinnova istantaneamente la struttura del cosmo. Egli abita la Sua creazione come il Figlio eterno abita nell'umanità di Gesù.

Quindi il capire anche lontanamente che in Maria spirito e corpo siano stati una cosa sola (e non due cose distinte), vuol dire capire il segreto di Maria, capire il segreto della sua assunzione in Cielo.

Era ovvio quindi, era naturale che a un certo momento il suo corpo andasse direttamente in Cielo, perché la sua fase di unione, di armonia con lo Spirito l'aveva già compiuta nella sua vita. E non l'aveva compiuta stando con le mani giunte e gli occhi fissi al Cielo; l'aveva compiuta comportandosi da vera donna.

Maria era donna (diversa dall'uomo)! Non è che ci sia uno spirito identico dell'uomo e della donna così che aggiungendone una parte all'uno o all'altra questi diventino uguali. La donna è donna e l'uomo è uomo!

La donna è sempre un po' un mistero per un uomo, come un uomo è sempre un po' un mistero per una donna.

Maria ha "fatto" la donna, ha fatto la madre, ciò che non ha fatto Giuseppe e che nessun altro uomo poteva fare! Maria ha fatto la madre di Gesù con tutto quel che segue!

Maria non studiava teologia ma guardava il suo Bambino crescere; lei non ascoltava le voci che "venivano" dall'Alto quando doveva cambiare il pannolino al Bambino (ha ascoltato una volta sola la voce dell'Angelo, poi ha dovuto "cavarsela" da sola...).

Ripeto: Maria faceva la mamma, la donna... e lo faceva con saggezza!

La prima caratteristica di Maria è stata la maternità; quella maternità che oggigiorno tante ragazze temono perché è una situazione irreversibile: quando si diventa mamma lo si diventa per sempre!

La Madonna oltre alla mamma ha fatto anche la donna di casa e, fare la donna di casa una volta era molto, ma molto più faticoso di oggi: non c'era la lavapiatti, la lavatrice...: dopo aver lavato il bucato a mano bisognava stenderlo sull'erba al sole per farlo diventare bianco.

La Madonna oltre alla casa badava anche alle pecore. In certe raffigurazioni si vede la Madonna con S. Giovannino (anche lui già -poverino- con la croce in mano) e una pecorina in mezzo, proprio perché la Madonna pascolava le pecore. (Sarà per questo che la Madonna ha sempre avuto predilezione per le pastorelle: S. Bernadette e altre...) D'altronde le pecore erano necessarie per il latte (non c'era la centrale del latte che consegnava il latte nei cartocci...).

Non dimentichiamoci poi che il marito di Maria (Giuseppe) e il Figlio (Gesù) facevano i falegnami e sudavano, quindi doveva accudire ai loro vestiti. (Che differenza con le mamme di oggi che non vogliono assolutamente che i figli facciano fatica e quindi portano loro stesse gli zaini con i loro libri... Oggigiorno c'è la mentalità che bisogna eliminare la fatica, invece... la fatica insegna molte cose).

La Madonna ha fatto la donna; certo non la donna in carriera quale giornalista o poetessa..., ma si può essere poeti anche se non "riconosciuti": pensate alle parole del "Magnificat" che abbiamo letto oggi!

(Io ho scritto una canzone che dice: "La poesia mettila in quello che fai, e se non la sai fare cantala così ti illuderai di essere un poeta...").

La Madonna la poesia l'ha messa in tutto quello che ha fatto. Invece oggigiorno molti cantano e quindi pensano di essere poeti, vanno a sentire i concerti... ma quando tornano a casa sono "fessi" quanto prima (prima del concerto non sapevano fare e non sanno fare neanche dopo il concerto).

La canzone continua: "La protesta mettila in quello che fai, se non la sai fare, cantala così ti illuderai di far rivoluzione".

La Madonna non è stata riconosciuta giornalista, poetessa ma ha sempre fatto della poesia, ha detto delle parole poetiche.

La Madonna non ha mai parlato di solidarietà (come si usa oggi... lasciando poi i paesi abbandonati dopo il terremoto) ma è stata solidale: pur essendo incinta è andata ad aiutare la cugina Elisabetta (come abbiamo letto nel Vangelo).

Vi immaginate una ragazza di oggi incinta: devo riposare, aiutatemi...!! La Madonna si è "scorrazzata" quasi 150 Km. a piedi per andare ad aiutare la cugina: lei la solidarietà l'ha fatta, non l'ha cantata, non l'ha "sbandierata"!

Tutte queste cose che ha fatto la Madonna (pensate un po'!) erano ripiene di Spirito Santo!

Riusciamo noi cristiani a fare tutto quello che dobbiamo fare: la mamma, il papà, il lavoratore... pieni di Spirito Santo?

Questa è stata la grandezza di Maria, ed è per questo che è stata assunta in Cielo.

Riflettiamo su questo: la Chiesa ci presenta la festa dell'Assunzione di Maria per farci capire come un corpo e uno spirito possono diventare armonia contemporanea. Non si può fare prima le cose dello spirito e poi quelle del corpo: bisogna farle insieme!

Spirito e corpo insieme in questa vita per essere, come la Madonna, Spirito e corpo insieme nell'altra Vita.

[ Home | Cosa fa | Chi è | Cosa diceSussidiInterpretiSchola Cantorum ]


http://web.tiscalinet.it/donstefano